Diario ruvido - Arte contemporanea 2

L'artista. 
Uno degli errori più grossi in cui può incappare un artista è quello di produrre pensando a come la gente accoglierà il suo lavoro. 
Nella tesi di laurea scrissi che ormai è molto difficile fare qualcosa di sentito, ispirato, originale. Questo perché internet ci fornisce un feedback costante su quello che la gente pensa e vuole. 
E non giriamoci intorno: quando tu artista fai quello che la gente vuole allora fai una schifezza, punto. 
Ora c'è un pericolo ulteriore: le campagne crowdfunding sono sì utili per molti motivi, ma aggiungono ulteriore rischio di massificazione. 
Questo perché il pubblico ti dà una delega A PRIORI e quindi sarai ancor più portato a fare quello che il pubblico ti chiede. 
Non dico che il crowdfunding porti inevitabilmente alla merda, dico che chi riesce nonostante tutto a fare qualcosa di veramente suo ha fatto uno sforzo in più rispetto al passato: insomma, gli stringo la mano.

Nessun commento: