La notizia del giorno! (Aggiornate la pagina per ottenerne altre)

Il silenzio dopo la Z

Cortometraggio finalista al Nonantola Film Festival 2015.
La sfida era realizzare, montare e consegnare un corto in 4 giorni della durata massima di 4 minuti seguendo le seguenti regole.
1) Deve essere visibile la città di Nonantola.
2) Deve comparire un modellino di automobile.
3) Deve comparire un ventaglio.
4) Deve essere utilizzata la frase: "Prova a dimostrare il contrario".
Inoltre il genere era stato estratto a sorte e nel nostro caso era capitato il "muto".
Di e con: Nicolò Gianelli, Alessandra Magrì.

"Sulle strade d'America" - Recensione della lettura in biblioteca.

Riporto qui di seguito la recensione della serata di ieri scritta da Max Candini.

"Chi è Nicolò Gianelli? Bella domanda, già. Nic è una delle persone più sorprendenti della scena underground modenese. Lo è stato? Lo è tuttora? Lo sarà di nuovo? Difficile dirlo. Dipende. Lui è stato un attivista provocatore agitatore culturale blablabla di molte notti modenesi, protagonista attraverso numerosissimi reading ed altre azioni dirompenti di una stagione culturale che porta il nome di Emilia Ruvida, ufficialmente conclusa dal momento in cui i locali intestati alla sunnominata sono stati ceduti ad altri operatori. Diciamo che nella vita di Nic si è aperto un capitolo nuovo, quello in cui lui si è (non so se sia il termine esatto) "ritirato" per dedicarsi a quella che poi è sempre stata la sua autentica vocazione: scrivere, raccontare il mondo dentro e quello fuori dalla sua anima attraverso l'alchimìa della PAROLA. Cosa che ha sempre fatto pubblicando le sue opere presso un piccolo editore campano, ben noto agli addetti ai lavori come quella canaglia di Domenico Cosentino, un tizio che ha scelto di mettersi in gioco e anzichè lamentarsi che "non succede mai niente" ha rischiato del suo creando praticamente dal nulla la sua Round midnight edizioni, di cui Nic è un colorato fiore all'occhiello. Ieri sera presso la biblioteca comunale di Nonantola (attraverso il "giro" della benemerita locale Fonoteca Officine Musicali) si è tenuto il primo reading di una serie che Nic porterà in tour (tipo una rockstar) per l'Italia, e basato sul nuovissimo libro dell'autore ("Sulle strade d'America") in uscita tra un mesetto circa ovviamente per i tipi della suddetta Round Midnight. Era quindi una assoluta anteprima. E mi viene da sorridere se penso una cosa. Si fosse trattato di una casa editrice di maggior peso e visibilità, l'incontro sarebbe stato dirottato in un bar cittadino fighetto, con aperitivo giusto e facce giuste a presenziare. E invece eravamo -in una location decentrata- un manipolo di pochi ma attentissimi amici ad ascoltare un amico che ci leggeva "le sue cose". E vaffanculo, e meno male! L'antipasto di questo piatto che si annuncia abbondante di colori e di suoni è stato davvero saporito e preannuncia un' opera ancor più vivace e dirompente delle precedenti, ma per ogni giudizio rinviamo opinioni e commenti a quando il libro si affaccerà nei negozi. La serata ha avuto un percorso agevole ed è stata seguita con attenzione da un uditorio che oserei definire devoto. E d'altra parte Nic in questi ultimi anni ha saputo conquistarsi la simpatia di molti tra addetti ai lavori e comuni lettori. Dettaglio importante: la lettura è stata "sonorizzata" da una soundtrack creata per l'occasione (sintetizzando il meglio del nostro immaginario rock americano) dall'estro di un altro personaggio assai noto presso i rockers modenesi, la splendida Pesca aka Alessandra, da qualche anno collaboratrice e supporter assidua del nostro Nic.
Alla fine, sorrisi, strette di mano, tra birrette e paglie (non per me che sono astemio e non fumo ma vabbè) e un arrivederci a quando la campagna promozionale entrerà nel vivo.
Un saluto a due special guest presenti tra il pubblico. Il noto bassista Christian Bandieri e quella Chiara Ferrari detentrice di uno dei sorrisi più belli e luminosi di Modena e dintorni. E buon lavoro al supervisore tecnico che ha presieduto all'intera serata, un attivissimo Giancarlo Montorsi.
E poi...."uscimmo a riveder le stelle". Ovvio.
PS: Spiritual Guidance Lorena Montagnini, as usual".